BANDO APERTO
Bando a sostegno delle reti del turismo e per lo sviluppo dei cluster di prodotto turistico

La Regione Marche si pone l’obiettivo di sostenere la realizzazione di progetti in grado di innescare reali e duraturi processi di sviluppo dell’offerta turistica, di facilitare la fruizione dell’esperienza vacanza, di sviluppare prodotti e servizi turistici differenziati ed innovativi, di incrementare la riconoscibilità di un territorio migliorando ed innovando il sistema di accoglienza locale, incentivando la sostenibilità e la destagionalizzazione.

Pertanto, per sostenere la creazione di reali prodotti turistici costituiti da servizi innovativi e/o da proposte integrate di turismo esperienziale alla portata del turista, da commercializzare sui mercati nazionali ed internazionali, capaci di rispondere in maniera efficace alle esigenze del mercato turistico attuale, è stato varato il Bando a sostegno delle reti del turismo e lo sviluppo dei cluster di prodotto turistico.

 

PLAFOND DISPONIBILE

€ 2.000.000 per i progetti presentati da reti di impresa;

€ 1.000.000 per i progetti presentati da imprese singole.

 

IMPRESE BENEFICIARIE

Possono beneficiare delle agevolazioni previste dal presente bando le micro, piccole e medie imprese (MPMI) qualificate come imprese turistiche, in forma singola o aggregata tra loro o con imprese di altri settori, aventi i codici ATECO riportati nell’Appendice specifico del bando, nella forma di contratto di rete, associazione temporanea di scopo o raggruppamento temporaneo, secondo le prescrizioni indicate nell’Appendice B (minimo 3 partner e massimo 6). Le imprese:

  • devono essere iscritte nel Registro delle Imprese e/o nel Repertorio Economico Amministrativo4 presso la Camera di Commercio territorialmente competente, oppure, in caso di liberi professionisti, essere titolari di partita IVA attiva rientranti nei settori di attività indicati nei codici ATECO previsti dal bando (sia come codice ATECO principale o secondario);
  • avere la sede dell’investimento ubicata nel territorio della Regione Marche o impegnarsi a stabilirla entro la data del primo pagamento del contributo, essere nel pieno e libero esercizio dei propri diritti.
  • disporre delle risorse e dei meccanismi finanziari necessari a coprire i costi di gestione e di manutenzione per le operazioni che comportano investimenti in infrastrutture o investimenti produttivi, in modo da garantirne la sostenibilità finanziaria;
  • essere in regola rispetto alle disposizioni in materia fiscale, di contributi previdenziali ed assistenziali secondo la vigente normativa.

 

INTERVENTI AMMISSIBILI

Ai fini del presente bando sono ammissibili i progetti d’impresa volti ad offrire servizi e prodotti innovativi capaci di attrarre ed incentivare la domanda turistica, anche in un’ottica di sostenibilità e di destagionalizzazione, collegati ad uno o più cluster. La Regione Marche, con DGR 370/2014, ha riconosciuto e promosso alcuni cluster tematici (Parchi e natura attiva, Genius of Marche, Marche by Bike, Marche Family, Marche in Moto, Marche in Blu, Marche gusto e tradizioni, L’arte di saper fare, Dolci colline e antichi borghi, Marche Cinema, Marche Wedding, Wellness terme e benessere, Trekking, Business and Meeting, Turismo scolastico, Scienze e tecnica), che fanno da direttrice per l’aggregazione di progettualità di sviluppo locale e regionale in ottica turistica: al fine del presente bando potranno essere riconosciuti ulteriori reti tematiche, anche legate al territorio, e ambiti di intervento innovativi.

Gli interventi potranno, dunque, riguardare a titolo esemplificativo e non esaustivo:

  • la valorizzazione del “saper fare” inteso come eccellenza artigianale marchigiana, in ambiti tematici diversi che vanno dalla enogastronomia (ristoranti storici e di tipicità locali), ai prodotti agroalimentari (vini, olio, formaggi ecc.), all’artigianato tipico, artistico e tradizionale, alle imprese produttrici e ai relativi outlet e spacci commerciali dell’abbigliamento, tessile e calzature nonché i musei che valorizzano i prodotti di tali attività;
  • lo sviluppo di un sistema organizzato per il Family tourism, collegando le diverse realtà già presenti per la realizzazione di un prodotto altamente attrattivo sul mercato turistico;
  •  la valorizzazione delle imprese che operano nel turismo attivo e all’aria aperta, mediante nuovi servizi avanzati capaci di dare ulteriore impulso allo sviluppo e alla riconoscibilità di un’area;
  • lo sviluppo delle imprese che operano nel Wellness Tourism, inteso non solo come turismo del benessere (SPA, centri termali etc.) ma in un’ottica olistica, valorizzando anche i luoghi dell’anima (natura, arte, cultura, spiritualità etc.);
  • lo sviluppo dell’offerta di servizi di turismo educativo che possono derivare dall’esigenza di organizzare visite sul territorio per studenti e partners internazionali di progetto, in collaborazione con stakeholder locali; la promozione di programmi di studio e scambio internazionale di tipo esperienziale e place-based (es bootcamps, student competitions e altri approcci del tipo location/place-based learning).

Gli interventi potranno essere corredati da piattaforme digitali di cluster che, favorendo la collaborazione tra aree professionali trasversali, integrino e sviluppino l’organizzazione e la commercializzazione dei servizi.

 

SPESE AMMISSIBILI

Sono considerate ammissibili le spese a far data dal 01.01.2024 per i progetti iniziati e non conclusi prima della presentazione della domanda.

Le spese ammissibili dovranno riferirsi agli interventi per cui si inoltra richiesta di contributo, essere coerenti e congrue alle finalità del progetto e funzionali al raggiungimento degli obiettivi indicati:

A) ATTIVI MATERIALI:

  • Beni strumentali e attrezzature (strumentazione, macchinari, impianti, spese di connessione, impianti hardware e dotazioni informatiche);
  • Costi dei materiali, delle forniture e di prodotti analoghi direttamente imputabili alle attività svolte;
  • Opere murarie ed assimilate (entro il limite del 20% del totale delle spese ammissibili).

Il totale delle voci di spesa ricadenti nelle tipologie “A” non potrà essere inferiore al 40% del costo totale di progetto.

B) ATTIVI IMMATERIALI:

  • Progettazione (entro il limite del 20% del totale delle spese ammissibili);
  • Consulenze di professionisti (gestionali, commerciali, consulenze specialistiche, marketing, internazionalizzazione, etc.);
  • Brevetti – licenze;
  • Altri servizi strettamente pertinenti alla natura del progetto da finanziare;
  • Programmi informatici, Know-How, conoscenze tecniche non brevettate concernenti nuove tecnologie di prodotti e processi produttivi.

C) PERSONALE:

  • Personale dipendente: costo del personale specialistico in organico per la sola quota di effettivo impiego nel progetto;
  • Personale non dipendente: ovvero con contratti di natura subordinata a tempo determinato o indeterminato, co.co.co, borse dottorato, assegni di ricerca, etc.

L’importo è riconosciuto forfettariamente nella percentuale del 20% dei costi diretti (A e B) diversi dai costi del personale dell’operazione e determinato con modalità semplificata attraverso l’applicazione del “costo standard unitario.

D) SPESE GENERALI:

  • Spese generali (d’ufficio e amministrativi): costi indiretti funzionali alla realizzazione del progetto calcolati con un tasso forfettario fino al 7 % dei costi diretti ammissibili.

 

MASSIMALI DI INVESTIMENTO

Non sono ammessi a finanziamento:

i progetti presentati da imprese in forma singola che sviluppino un contributo inferiore a € 20.000,00 (costo totale ammissibile del progetto di investimento minimo € 40.000,00);

i progetti presentati da imprese in forma associata che sviluppino un contributo inferiore a € 60.000,00 (costo totale ammissibile del progetto di investimento minimo € 120.000,00.

Il contributo massimo concedibile del presente bando, nel rispetto del massimale previsto dal secondo comma dell’art. 3 del Regolamento 2831/2023 “De Minimis”, è di:

  • € 100.000,00 per i progetti presentati da imprese in forma singola;
  • € 300.000,00 per i progetti presentati da imprese in forma associata.

 

MODALITA’ DI PRESENTAZIONE

La domanda può essere presentata a partire dalle ore 09.00 del 29/05/2024 ed entro le ore 18.00 del 10/10/2024.

Il programma di investimento dovrà essere concluso entro 18 mesi dalla data di avvio.

 

Vuoi essere ricontattato e ricevere una consulenza gratuita?
COMPILA IL FORM

 

Per informazioni: Area Credito Confartigianato

Tel: 071 2293223328 3073025

Email: credito@confartigianatoimprese.net