EMERGENZA CORONAVIRUSLAVORO
Da San.Arti misure straordinarie per l’artigianato

San.Arti, il fondo di assistenza sanitaria integrativa dell’artigianato, interviene con misure straordinarie per affrontare l’emergenza coronavirus e lancia la campagna #Semprepiùcongliartigiani. Il Consiglio di amministrazione del Fondo ha infatti deliberato una serie di interventi, sollecitati da Confartigianato, per sostenere le imprese ed i lavoratori del settore in questo momento così difficile per il Paese.

“San.Arti – spiega il direttore del Fondo, Federico Ginato – è una realtà molto importante con più di 540.000 iscritti e più di 130.000 aziende aderenti. Il nostro obiettivo e la nostra funzione consistono nell’erogare e rimborsare le prestazioni sanitarie. In questo momento di grande difficoltà il Consiglio di amministrazione di San.Arti., anche su input di Confartigianato, ha quindi deciso di varare misure straordinarie. La prima è un aiuto importante per gli iscritti che sono già o risulteranno positivi al Covid 19. A queste persone che saranno costrette al ricovero ospedaliero daremo un’indennità straordinaria di 40 euro per ogni notte di ricovero fino a un massimo di 50 notti. Se invece saranno costrette all’isolamento domiciliare daremo un’indennità straordinaria di 30 euro per 14 giorni”.

Spiega ancora il Direttore di San.Arti: “Non ci limitiamo a questo. Con l’erogazione dell’indennità straordinaria di 40 euro ci rivolgiamo anche ai titolari non iscritti che hanno le aziende che versano contributi a San.Arti per i propri dipendenti. Sappiamo anche che le aziende artigiane hanno grandi problemi di liquidità. Abbiamo quindi deciso di sospendere la contribuzione a Sanarti. Sappiamo anche che le persone hanno difficoltà ad accedere alle strutture sanitarie pubbliche. A tutti gli iscritti che utilizzeranno strutture private convenzionate con Unisalute rimborseremo le franchigie. Infine distribuiremo migliaia di flaconcini di igienizzante per le mani. Daremo inoltre un aiuto alla Protezione civile di 1 milione di euro per l’acquisto di materiale sanitario e per il sostegno alle strutture ospedaliere. Sanarti è uno strumento importante della bilateralità, è uno strumento della solidarietà artigiana. Se tutti contribuiscono con poco e sempre, riceveranno molto di più nei momenti di difficoltà”.

LE MISURE STRAORDINARIE DI SAN.ARTI. PER FRONTEGGIARE L’EMERGENZA

● la sospensione della contribuzione a SAN.ARTI. da parte delle imprese artigiane attualmente aderenti, con le stesse modalità previste dal Governo per la contribuzione obbligatoria;

● il rimborso delle franchigie versate dagli iscritti per le visite specialistiche e gli accertamenti diagnostici effettuati dal 24 febbraio al 31 ottobre 2020;

● il riconoscimento di un’indennità straordinaria di 40 euro per ogni notte di ricovero in struttura ospedaliera (per un massimo di 50 notti) e una indennità di 30 euro al giorno per chi si trova in isolamento domiciliare (fino ad un massimo di 14 giorni), per gli TUTTI GLI ISCRITTI positivi al virus COVID-19. La misura si applica a tutti gli iscritti al Fondo e si estende anche ai titolari non iscritti di aziende che già versano a SAN.ARTI.

● il riconoscimento di un’indennità straordinaria di 40 euro per ogni notte di ricovero per un periodo non superiore a 50 giorni per i TITOLARI di aziende artigiane versanti a San.arti. e che risultassero essere positivi al virus COVID-19 dal 24 febbraio al 31 giugno 2020. Nel caso si rendesse necessario un periodo di isolamento domiciliare, a seguito di positività al virus, l’iscritto avrà diritto a un’indennità di € 30,00 al giorno per ogni giorno di permanenza presso il proprio domicilio per un periodo non superiore a 14 giorni all’anno;

Il Cda ha inoltre stanziato 1 milione di euro per donazioni finalizzate all’acquisto di materiale sanitario e al sostegno delle strutture ospedaliere, e si occuperà inoltre della distribuzione di (12 mila) flaconi di igienizzante per le mani.

ASSOCIATI