EMERGENZA CORONAVIRUS
Nuove misure del Governo: “chiuderanno tutte attività non essenziali”

Chiuderà nell’intero territorio nazionale ogni attività produttiva che non sia essenziale, strettamente necessaria, cruciale o strategica. Abbiamo stilato, con i sindacati e gli imprenditori, una lista dettagliata: resteranno aperti supermercati, negozi generi alimentari e prima necessità. Aperti anche farmacie, parafarmacie, servizi bancari, assicurativi, postali, trasporti e attività accessorie a quelle essenziali. Al di fuori di questi, sarà consentito solo lavoro smart working e attività produttive rilevanti per la produzione nazionale. Lo ha annunciato stasera il premier Giuseppe Contein una dichiarazione trasmessa in diretta dalla sua pagina Facebook.

“Rallentiamo il motore produttivo del Paese ma non lo fermiamo. Non è una decisione facile – ha detto – ma si rende necessaria oggi per poter contenere quanto più possibile la diffusione dell’epidemia”.

Sospensione quindi di tutte le attività non essenziali, mirata al contenimento del contagio da Covid-19. “Un sacrificio enorme per le piccole imprese italiane, ma inevitabile in nome del prioritario obiettivo della difesa della  salute.”

ASSOCIATI